campanellino

venerdì 5 dicembre 2014

poesia di Luciano De Crescenzo

A MADONNA D' 'E MANDARINE

Quanno ncielo n'angiulillo
nun fa chello c' ha da fa',
'o Signore int' a na cella
scura scura 'o fa nzerrà.
Po' se vota a n' ato e dice:
--Fa venì San Pietro ccà!
E San Pietro cumparisce:
--Neh, Signò, che nuvita?
--Dint''a cella scura scura
n' angiulillo sta nzerrato:
miettammillo a pane e acqua
pecché ha fatto nu peccato!
E San Pietro acala 'a capa
E risponne:--Sissignore!
Dice Dio:--Ma statt' attiento
ch' ha da sta' vintiquatt' ore!
L' angiulillo, da llà dinto,
fa sentì tanta lamiente…
Meh, Signò, dice San Petro,
pe' sta vota…nun fa niente…
Nonzignore! Accussì voglio!
Statte zitto! Dice Dio;
si no ognuno se ne piglia!
'Nparaviso cumann' io!
E San pietro avota 'e spalle:
Da la cella scura scura
L' angiulillo chiagne e sbatte,
dice 'e metterse paura!
Ma 'a Madonna, quanno ognuno
sta durmenno a suonne chine,
annascuso 'e tuttequante
va e lle porta 'e mandarine.

                 Luciano De Crescenzo

Nessun commento:

Posta un commento