campanellino

mercoledì 21 maggio 2014

non sempre mi ricordo...

Mi capita sempre più spesso, di pensare: "Ma domenica vado a trovare mamma? vediamo un po', non so se posso..." e poi...



No. Non c'è più. Posso andare quando voglio al cimitero. Pulirò la pietra lavica grigia, pulirò la foto che ha fatto per l'ultima carta d'identità, con i capelli ben sistemati, la collana intonata all'abito.

 Il vuoto mi circonda con il suo non-abbraccio (ci doveva essere una voce, almeno, che almeno scandisse il mio nome: una volta ancora)

4 commenti:

  1. Sono terribili questi momenti in cui emergono pensieri del genere. Purtroppo bisogna farsene una ragione. Pensa comunque che la tua mamma ti segue, anche se da lontano :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era mia intenzione trasmettere tutto il senso di crollo. Ma è stato più forte di me. Ciao, Belf

      Elimina
  2. io non vado mai al cimitero, è più forte di me. gli affetti perduti li incontro sempre e solo dentro al mio cuore e alla mia mente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ci vado ogni tanto, quando mi sento scoppiare il cuore dalla mancanza. E poi sto male e piango, cercando di nascondere le lacrime dietro agli occhiali.

      Elimina