campanellino

venerdì 23 giugno 2017

Nulla si può possedere

Ci pensavo.
Poniamo, un vestito.
Ma no, si consuma: diciamo un tegame?
O una sedia, un armadio. Un libro, un braccialetto.
Un sasso, ecco, un sasso colorato, trasparente.
Bello: ricordo di un'estate, di un viaggio, di una persona.
Lo guardo. Mi pare che evochi un tempo, dei pensieri , dei momenti.
Evanescenti: ma dà i brividi.
Lo stringo forte. Spero quasi che mi faccia tornare indietro nel tempo....
Niente, non funziona più.
Anzi, avverto più forte il distacco, la differenza, la distanza.
Vorrei tenerlo con ma sempre.
Lo metto in tasca, ma so che rischio di perderlo.
Lo ripongo dov'era: non può stare con me.
L'unica cosa che posso fare è guardarlo ogni tanto.
Non starà con me, sempre.
E poi magari lo perderò.
E se morirò prima, non verrà con me.
Mi sopravviverà e lo troverà qualcuno che non saprà nulla dei miei pensieri, dei miei ricordi, delle mie storie.
Me ne andrò sola con i miei difetti, i miei rimpianti, i miei sogni, i miei ricordi.
Nessun sasso, nessun oggetto.
Nulla si può possedere




venerdì 16 giugno 2017

Sorry

Tempo d'esami, a scuola.
Mi rivolgo ai pochi che passano di tanto in tanto a leggere le mie stupidaggini.
Scusatemi, scusate l'assenza, il silenzio.
Non ci sono per nessuno: ho da fare gli esami.
Non ascoltate chi dice che la scuola è una cosa così, che i prof non fanno nulla.
Noi lavoriamo quanto gli altri a scuola e a casa, pomeriggio, notte e domenica.
Durante gli esami tante volte a casa non torniamo proprio.
Le nostre famiglie sanno questo e lo accettano così come le famiglie dei militari accettano le lunghe assenze, le divise da stirare, le decorazioni e il trambusto del giorno della parata.
Abbiamo anche, per i pomeriggi, tanti corsi di formazione obbligatori, che richiedono dei prodotti, dei lavori, da ideare, realizzare e inviare: con scadenza.
Ma adesso, dicevo, ho gli esami.
Quindi ciao, a presto.


giovedì 25 maggio 2017

inaffondabile

E che sarò mai?
neanche il Titanic
Così mi venne detto, un millennio fa:
con un sarcasmo quasi, che non era più ironia.
C'era l'intento velenoso di pungere.
"Sei inaffondabile"
...
Ora, un millennio dopo
non ne sono mica più tanto sicura.
Troppe le batoste della vita.
che mi hanno tolto un sacco di roba
persone a cui tenevo,
persone a cui non tenevo tanto
persone a cui non sapevo di tenere così tanto
...
E poi ho scoperto l'inutilità delle cose
che non contano nulla
non possono mai
mai
sostituire
la voce di una persona cara.
...
Ho scoperto il limbo dei ricordi
ho visto com'è facile scivolarci dentro
com'è dolce
com'è pericoloso e inebriante
come ne esci
con gli occhi sbiaditi del passato
sbiaditi dalle lacrime
e le voci che ancora risuonano
nelle orecchie
(...zvanì )



sabato 20 maggio 2017

Da sola

Scrivo per me.
Parlo per me.
Scrivo ora, nel silenzio e nella solitudine sentendo i pensieri che si fanno più forti.
Intanto mi chiedo a cosa serve questo darsi un gran da fare
quando poi alla fine
alla fine delle fini
si spegnerà la fiammella per ciascuno e per tutti
per chi ha fatto e per chi ha oziato
per chi ha barato e per chi ha lavorato
il trattamento sarà uguale
...
(certo dopo:... bla bla bla)
ma la fine sarà uguale per tutti
e più tarderà
peggio sarà



lunedì 15 maggio 2017

Adelante Pedro... ma con juicio

Così si procede
navigando a vista.
Talvolta incespicando, tal altra imbroccando inconsapevolmente la strada.
Il tempo è, occorre dirlo? un grande medico.
Ti accorgi solo ogni tanto che... sì, c'era qualcos'altro, qualcun altro
al suo posto c'è un buco, ora
nè hai permesso ad alcuno di riempirlo
E' un vuoto che somiglia a un buco nero
Non si può mai riempire
anzi è peggio
E' un buco divoratore
occorre lasciarlo lì
e distrattamente
 molto distrattamente
di maniera che non se ne accorga
proseguire a strisciare
sulla strada sassosa
della vita



mercoledì 3 maggio 2017

una telefonata



Si può essere felice per una telefonata?
Tre minuti e pochi secondi.
Sentire una voce.
Una voce cara, che in due, tre parole, evoca persone, fatti, pensieri
che ti sembrava
(anzi eri certa)
si fossero dissolti nel fango
nelle paludi spettrali
nel ronzio delle zanzare
La voce sa
la voce sorride sicura
nulla è in dubbio
Tutto è
tutto è ancora vero
tutto è esistito, esiste, esisterà
...
(Io esisto).

sabato 22 aprile 2017

Posso dirlo

Sì, penso di poterlo dire.
Sono triste.
Sono molto triste.
Molto desolata e triste.
Sento tanto vuoto intorno a me e vedo definirsi tante cose incompiute
che ancora andavano dette, fatte, precisate
completate, chiarite, definite
Avevo bisogno di tempo
di altro tempo
Di molto tempo
Non ne ho
Nulla
Finito
Non c'è più tempo
...
Il castello di sabbia si è ormai tutto sgretolato, sbriciolato
è sparito
Quel castello
che era la mia casa
la mia vita
la mia famiglia
la mia infanzia
la mia storia
i miei ricordi
Penso a quante cose non dette
dette male
non comunicate
non chiarite
...
Non c'è più tempo

[E ho un'ansia, dentro, paura, angoscia, rimpianto, disperazione, solitudine, nostalgia, sgomento, tristezza
rimpianto e ancora rimpianto...]